lunedì 11 maggio 2015

Finalmente, di nuovo, ... PARIGI

Parigi vista dalla Tour Eiffel.

Perché non qui? Perché non ora? Quale posto migliore di Parigi per sognare? 
(Ratatouille, 2007)

Anche il famoso topolino di questo film Disney vede Parigi come una città magica. Parigi è moda, è arte, è storia. Parigi è romanticismo, è odore, è un suono che senti per le strade.
A Parigi puoi rimanere a bocca aperta ogni volta che svolti un angolo.

E con questo post voglio chiudere il lungo riassunto del mio ultimo viaggio nella capitale francese che ho pubblicato poco alla volta in questi mesi; nelle righe qui sotto troverete un quadro della situazione e qualche consiglio (spero utile) per organizzare le vostre giornate nella Ville Lumière.... 

Ah a proposito, sapete perché si chiama Ville Lumière (ossia città illuminata)!? Intorno al 1300 Parigi era una città senza luminarie pubbliche, quindi di notte le strade erano molto buie e i crimini brutali erano all'ordine del giorno, così per rendere la capitale francese più sicura i sovrani ordinarono a tutti i cittadini di mettere una candela alla finestra di notte per rendere le vie più luminose. Nel giro di pochi anni nacque un vero e proprio mestiere, con ambulanti che muniti di fiaccole accompagnavano a casa le persone e si facevano pagare in base alla quantità della cera consumata...

In quanto tempo si visita Parigi? Beh dipende da cosa si vuole fare. Le cose principali si possono vedere anche in tre giorni se si ha voglia di girare (come direbbe la mia amica) "come la mxxxa nei tubi", per vedere tutto bene non so se basta una vita... Ogni volta che torno in questa città che amo alla follia scopro sempre qualcosa di nuovo...

Cosa mi rimane di Parigi ogni volta che torno a casa? il suo odore.

La Funicolare di Montmartre e sullo sfondo la cupola della Basilica del Sacro Cuore.

- Spostarsi dentro e fuori dalla città: personalmente vi consiglio di acquistare una Paris Visite. Si tratta di una carta che permette di utilizzare tutti i mezzi di trasporto (metro, RER, autobus, funicolare di Montmartre...). La carta può essere comprata da 1, 2, 3, 4 o 5 giorni ed esiste per la zona 1-3 (solo centro città) e 1-5 (che permette di raggiungere la Reggia di Versailles, gli aeroporti, e il Disneyland Paris). Non ci sono limiti di corse, ma state attenti a quando vidimate il biglietto per la prima volta perché vale fino alla mezzanotte di quello stesso giorno, quindi se lo usate per la prima volta alle 23.00 verrà considerato come un giorno intero.
Se siete di quelli che cercano di fare i furbetti vi dico che i tornelli ci sono sia per le entrate che per le uscite, quindi per entrare senza biglietto dovete essere abbastanza atletici e in alcuni casa non basta perché ci sono delle porte automatiche parecchio alte. Noi abbiamo anche fatto delle prove per curiosità e quando si passa un biglietto per qualche minuto viene annullato; mi spiego meglio: il mio fidanzato è entrato col suo biglietto poi me l'ha passato ma la porta si è bloccata, quindi ho dovuto per forza tirare fuori il mio. Per quanto riguarda i controlli invece, su sei giorni di uso intenso della metro solo in due occasioni ci è stato chiesto il biglietto da un controllore...

- Visitare, visitare e visitare...: come in molte altre città italiane esiste una carta chiamata Paris Museum Pass che vi permette di visitare una serie di musei senza pagare e saltando la fila. Anche in questo caso c'è quella da 2, 4 o 6 giorni per un costo rispettivamente di 39, 54 e 69 euro. L'unica cosa che vi dico è di fare i calcoli in base a cosa si vuole vedere, perché alcuni monumenti come per esempio la Tour Eiffel e la torre campanaria della Basilica del Sacro Cuore non rientrano in questa tessera quindi bisogna fare un elenco di cosa si vuole (ma soprattutto) di cosa si riesce a visitare durante la vacanza a Parigi. Aggiungo anche che la prima domenica del mese molti musei sono gratuiti e che acquistando la Paris Visit si ha il diritto a degli sconti... adesso tocca voi farvi i vostri conti...

Negozio Luis Vuitton sugli Champs-Elyseés.
- Dormire e mangiare: ogni volta che torno a Parigi io cerco sempre una sistemazione nella zona di Pigalle e di Montmartre che a differenza della fama che spesso si trascinano dietro, sono luoghi tranquillissimi e frequentatissimi anche la sera. Ne approfitto per segnalarvi che nel nord Europa viene buio molto più tardi rispetto all'Italia: la foto qui a fianco è stata scattata alle 21.54 del 06 luglio 2013 sugli Champs-Elyseés, non è stata modificata e come si può vedere il cielo è ancora tendente all'azzurro.
Per quel che riguarda il cibo invece non ci sono problemi, nel senso che in ogni zona turistica di Parigi potete trovare ogni genere di cucina, da quella italiana, a quella cinese, a quella vietnamita ai semplici ma ottimi bistrot, per passare dai fast food di ogni genere e dimensione e se come me siete vegetariani in ognuno di questi ho trovato valide alternative.

E adesso ecco quello che abbiamo fatto noi durante i nostri sette giorni nella capitale francese:

Giorno 1: siamo arrivati in città nella prima mattinata (alle 8.00) e dopo esserci sistemati velocemente in hotel abbiamo raggiunto il Cimitero del Père-Lachaise intorno alle 10.30. Siamo usciti per l'ora di pranzo e abbiamo mangiato una baguette veloce in una delle classiche boulangerie che si trovano in tutta Parigi. In metropolitana abbiamo raggiunto il Parc des Butte-Chaumont, abbiamo fatto un giro veloce e poi ci siamo diretti al Parc de la Villette. Verso metà pomeriggio siamo tornati in hotel a Montmartre, ci siamo rilassati un'oretta e dopo siamo usciti per fare un giro del quartiere partendo dal Moulin Rouge a Pigalle e passando per il Café des 2 Moulins, la Basilica del Sacro Cuore e Chiesa di Saint-Pierre de Montmartre, dopodiché abbiamo mangiato cena, poi abbiamo fatto una passeggiatina romantica e poi davvero stanchi, siamo andati a nanna.

Giorno 2: ci siamo svegliati di buon'ora per riuscire ad avere tutta la mattinata per visitare la Reggia di Versailles. Nel primissimo pomeriggio abbiamo mangiato un panino e poi abbiamo preso la RER per tornare in città. Siamo scesi alla fermata vicino al Pont de l'Alma per vedere la Fiamma della Libertà e uno dei tanti scorci della Tour Eiffel che subito dopo abbiamo raggiunto a piedi con una camminata lungo la Senna e dopo una lunga coda siamo saliti sulla sua cima. In serata siamo andati sotto l'Arco di Trionfo e abbiamo fatto due passi per Champs-Elyseés dove abbiamo cenato da Léon de Bruxelles (tutti i dettagli sono nel post). Poi, stanchi siamo tornati in albergo.

Giorno 3: il terzo giorno è capitato di domenica, quindi i musei di Parigi sono gratis, così ci siamo di nuovo svegliati presto per fare la lunghissima coda e avere l'opportunità di visitare il Museo del Louvre senza pagare. Una volta usciti abbiamo ci siamo diretti verso i Giardini della Tuileries e abbiamo raggiunto l'Arco di Trionfo del Carosello, poi abbiamo fatto due passi tra il I e il II arrondissement dove abbiamo visto il Palais-Royale, il Palazzo della Borsa, la Galeries Lafayette Hausmann (che era chiusa... eh già che oggi è domenica!!!) l'Opéra Garnier, Place Vendome e abbiamo fatto la pausa pranzo nei Boulevard Haussmann all'Hard Rock Café Paris. Una volta tornati sempre a piedi nei pressi del Louvre abbiamo preso la metro e siamo scesi alla fermata Bastille dove abbiamo seguito questo itinerario che culminava con la visita alla Cattedrale di Notre Dame e al suo Tesoro e che ci ha permesso di vedere la Colonna di Luglio, la Chiesa di Saint Louis-en-l'Ile, l'Hotel de Ville, la Tour Saint Jacques e il Palais de la Cité. Nel tardo pomeriggio siamo tornati in albergo e abbiamo passato la serata rilassandoci a Montmartre nei pressi dell'hotel.

Giorno 4: il quarto giorno è stato interamente dedicato ai parchi divertimento: dal mattino fino alla chiusura alle 19.00 siamo stati agli Walt Disney Studios, poi al Disneyland Park fino alle 23.00 circa. Al momento della prenotazione avevamo valutato l'ipotesi di passare due notti all'interno del parco per poter entrare a pieno nell'atmosfera Dinsey, ma per dormire in uno dei sei hotel Disney avremo dovuto spendere una cifra (anche se di poco) superiore al costo totale del viaggio; con il pernottamento è compreso l'ingresso ai due parchi per tutti i giorni del soggiorno e spesso ci sono delle promozioni dove i bambini sotto una certa età non pagano e di solito le agenzie di viaggio possono avere delle agevolazioni anche solo per l'acquisto del singolo biglietto d'ingresso, quindi ognuno deve farsi i proprio calcoli: noi per esempio abbiamo pagato meno della metà facendo avanti e indietro per due giorni contando il prezzo dei due ingressi, le due notti a Parigi e la Paris Visite 1/5 per due giorni in più e via dicendo.
Giorno 5: In mattimata abbiamo raggiunto Saint Denis usando la nostra Paris Visit 1/5 per visitare lo Stade de France. Dopo pranzo da Quick (una catena di fast food francese) siamo tornati a Parigi nella zona de Les Halles dove abbiamo e abbiamo visto la scultura Ecoute, la Chiesa di Saint Eustache, il Centre Pompidou e poi con la metropolitana abbiamo raggiunto la Chiesa della Madeleine. Da qui abbiamo percorso a piedi la Rue Royale, Place de la Concorde, e tutti gli Champs-Elyseés fino all'Arco di Trionfo; abbiamo cenato in zona e prima di tornare in hotel siamo andati al Palais de Chaillot per godere di una vista unica sulla Tour Eiffel.

Giorno 6: il penultimo giorno l'abbiamo trascorso tutto al Disneyland Park.
Giorno 7: in serata abbiamo l'aereo, quindi dopo aver chiesto all'hotel se ci teneva i bagagli fino alla partenza siamo tornati alla Galeries Lafayette Hausmann  dato che la domenica era chiusa, poi abbiamo fatto un'ultima rilassante passeggiata sugli Champs-Elyseés entrando nei negozi che ancora non avevamo visto e scattando le ultime foto (tra le quali quella al centro della strada tra un semaforo e l'altro) con sfondo Arco di Trionfo. Dopo pranzo da abbiamo fatto un giro veloce nei Giardini del Lussemburgo e poi siamo tornati in albergo a prendere le valigie e in serata via... si torna a casa.

24 commenti:

  1. Lovely! Have a nice week sweetie!

    If you want to follow each other, please follow me on GFC or Bloglovin and I'll do the same ;)


    I invite you to join my worldwide giveaways: Jexshop 10$ gift card & Polka dots dress

    RispondiElimina
  2. E' un'ottima guida semplice e perfetta per vedere Parigi ew dintorni
    I miei complimenti
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Maurizio! A presto, un abbraccio!

      Elimina
  3. Che bella Parigi! Credo non ne avrò mai abbastanza :)
    Curiosa la storia dell'origine del nome Ville Lumière!

    RispondiElimina
  4. Davvero è una città magica che non si finisce mai di scoprire.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione Fabio... ci sono stata molte volte eppure ho già pronto un'elenco pieno di cose che non ho mai visto per la prossima volta! Grazie del passaggio ;)

      Elimina
    2. Volevo dire grazie per essere passato di qui ;)

      Elimina
  5. Condivido l'amore per Parigi, è l'unica città in cui "devo" tornare ogni tanto perché mi manca, e, come dici giustamente tu, ogni volta si scoprono cose nuove.

    RispondiElimina
  6. Sai che pur amando Parigi alla follia, non sapevo dell'origine del suo chiamarsi La Ville Lumière? Grazie perchè anche oggi ho avuto modo di conoscere qualcosa di nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver lasciato un segno del tuo passaggio! ;)

      Elimina
  7. "In quanto tempo si visita Parigi? Anche in tre giorni se si ha voglia di girare, per vedere tutto bene non so se basta una vita..."

    Questa frase mi ha colpito subito. Non vedo l'ora di tornare nella capitale francese per gustarmela davvero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho già una voglia matta di tornarci ;)

      Elimina
  8. Mi hai fatto sognare ad occhi aperti! *_*

    RispondiElimina
  9. Parigi è un sogno, una meraviglia da scoprire viaggio dopo viaggio *-* ! Grazie per aver condiviso il tuo programma, mi sono segnata il Café des 2 Moulins e Parc des Butte-Chaumont ! Un abbraccio :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata di qui! ;)

      Elimina
  10. Parigi è un sogno, una meraviglia da scoprire viaggio dopo viaggio *-* ! Grazie per aver condiviso il tuo programma, mi sono segnata il Café des 2 Moulins e Parc des Butte-Chaumont ! Un abbraccio :-*

    RispondiElimina
  11. prima o poi a Parigi ci devo tornare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non mi stancherò mai di tornarci ;)

      Elimina
  12. Ci siamo sbagliate di poco, ci sono stata ai primi di Giugno! ;-)
    http://conigliogiallo.blogspot.it/2015/06/weekendino-parigino.html
    http://conigliogiallo.blogspot.it/2015/06/negozi-paris.html

    RispondiElimina

Rispondo a tutti i commenti perchè sono molto importanti... in fondo se scrivo è perchè voglio essere letta.
Grazie per essere passati di qua!