giovedì 28 luglio 2016

Profumo di Lavanda: SALE SAN GIOVANNI

Foto 1 - Sale San Giovanni, fiori di lavanda.

Foto 2 - Sale San Giovanni, campo di lavanda.
Quando avevo inserito Aix-en-Provence nel mio elenco personale dei luoghi da vedere prima di morire non ero nemmeno ancora fidanzata con quello che adesso è il mio attuale marito.

Foto 3 - Sale San Giovanni, campo di lavanda.
Amo il colore viola a tal punto di averlo preso anche in considerazione come nome proprio da dare alla mia bimba, per questo mi affascinava l'idea di vedere una distesa di questa tinta che si perdeva oltre l'orizzonte.

Foto 4 - Sale San Giovanni, campo di lavanda.
Nell'estate 2015 è arrivato il momento di depennare Aix-en-Provence dall'elenco dei posti da visitare prima di morire anche se quando l'avevo inserito nel mio libretto rosa confetto avevo in mente un agglomerato di piccoli fiorellini viola senza  tenere conto che in realtà le distese di lavanda si trovano a Valensole (un piccolo centro poco distante) e che l'unico periodo dell'anno per ammirarli è luglio (noi siamo andati ad agosto). Quindi è vero che Aix-en-Provence è stato cancellato dalla lista ma è altrettanto vero che lo scopo principale della presenza sull'elenco di questo luogo non è stato raggiunto.

Foto 5 - Sale San Giovanni, campo di lavanda.
Il 03 luglio 2016 è domenica e Ambra come al solito in casa è irrequieta; il modo migliore per farla dormire un pochino è portarla in giro: a piedi o in macchina è indifferente l'importante è uscire, così nel primo pomeriggio di quella calda domenica d'estate mio marito mi dice "oggi decido io dove andare e ti faccio una sorpresa...".
Foto 6 - Sale San Giovanni, campo di lavanda.
 Quando lo vedo imboccare la via delle Langhe penso che la sorpresa sarà quel famoso gelato ad Alba che rimandiamo dal 2010, oppure un giro dalle parti di Grinzane Cavour o di Barolo a rifare quelle foto che erano andate perse col black out del vecchio hard disk esterno, ma quando all'altezza di Sale San Giovanni lo vedo svoltare per una viuzza stretta e tutta curve, quasi sterrata mi chiedo se si sia bevuto il cervello.

Foto 7 - Sale San Giovanni, dentro a un campo di lavanda.
Facciamo qualche metro tra degli immensi campi coltivati che noto poco perché sono troppo intenta a pregare di non incontrare nessun mezzo di trasporto più grande di una Panda dato che schivarsi potrebbe rivelarsi un'impresa più ardua del previsto, ma ad un tratto rallenta e indicando con l'indice una collina mi dice: "guarda là...".
Davanti a me c'è una distesa di lavanda, che segue la dolce linea delle colline delle Langhe, e che ricorda il calmo cullare del mare.
Foto 8 - Sale San Giovanni, dentro a un campo di lavanda.
Siamo a Sale San Giovanni, un paese che conta poco meno di 200 abitanti e che si trova sulle quelle colline che iniziano a profumare di uva e di tini.
Foto 9 - Sale San Giovanni, panorama di Sale San Giovanni dal Percorso delle Erbe.
Ed è in questo piccolo paese c'è un percorso panoramico che si snoda per una stretta strada contornata da immensi campi di lavanda, melissa, enkir (il tipo più comune di farro),  elicriso e salvia.

Foto 13 - Sale San Giovanni, campo di lavanda e campo di elicriso.
A questo proposito l'ultimo fine settimana di giugno qui si celebrano queste piante una fiera che si chiama Non Solo Erbe... mannaggia l'abbiamo mancata di una settimana!

Foto 10 - Sale San Giovanni, lungo il Percorso delle Erbe.
La mia collega guardando queste foto mi dice: "bella, ma a cosa servirà tutta questa lavanda!?".
Foto 11 - Sale San Giovanni, dentro a un campo di lavanda.
Bhe la lavanda è usata in tantissimi settori; innanzi tutto è l'olio essenziale più usato in profumeria, poi ho scoperto che se usata prima dell'ultimo risciacquo durante la doccia combatte i capelli grassi.
Foto 12 - Sale San Giovanni, dentro a un campo di lavanda.
E che dire delle innumerevoli proprietà terapeutiche: la lavanda è usata come antidepressivo, come calmante, come rimedio contro i raffreddori e l'influenza; abbassa la pressione arteriosa, cura il mal di schiena e il mal d'orecchi oltre che ai problemi digestivi.

Foto 14 - Sale San Giovanni, fiori di lavanda.
Ho anche scoperto che l'essenza di lavanda viene usata dai ceramisti per diluire i colori e per dipingere la porcellana.

Foto 15- Sale San Giovanni, dentro a un campo di lavanda.
E per quanto riguarda le credenze popolari ho letto che una volta mettere una spiga di lavanda nel corredo matrimoniale era sinonimo di fortuna e fertilità... alla faccia di chi mi ha detto, quando ha visto il mio abito da sposa con i dettagli viola: "ma il viola è il colore dei morti!!!"



5 commenti:

  1. Ma guarda che paese meraviglioso che ho sfiorato molte volte andando a Barolo. Un vero peccato non averlo visto .Adoro la lavanda il suo profumo il suo meraviglioso colore le sue doti terapeutiche. ....
    gran bella scoperta ....grazie. ..baci profumati ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una scoperta anche per me che abito a due passi!
      Grazie per essere passata di qui, la tua visita mi fa sempre molto piacere!
      A presto

      Elimina
  2. ma che meraviglia! non sapevo assolutamente che in piemonte ci fosse tutta questa lavanda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche io...e pensa che ci abito a due passi!!!

      Elimina
  3. Ho scoperto da poco l'esistenza di questo posto che non vedo l'ora di visitare.vorrei andare prima della festa che sara a giugno,per evitare casino ma non so se e gia fiorita la lavanda.tu mi sai dire qualcosa?un saluto da Alba

    RispondiElimina

Rispondo a tutti i commenti perchè sono molto importanti... in fondo se scrivo è perchè voglio essere letta.
Grazie per essere passati di qua!